Businessman,On,Blurred,Background,Discovering,Fake,News,Information,3d,Rendering

L’Integrazione di News Guard nel Social Listening: Una Rivoluzione nell’Affidabilità delle Informazioni

In un mondo in cui le fake news possono diventare virali in pochi secondi, discernere tra fonti attendibili e non è diventato più importante che mai. Ecco dove entra in gioco l’integrazione di News Guard negli strumenti di web e social listening di Extreme

Un Passo Avanti nella Veridicità dei Dati

Il web e social listening è un potente strumento che permette alle aziende e ai professionisti di monitorare ciò che viene detto online riguardo a brand, prodotti o qualsiasi altro argomento di interesse. Tuttavia, cosa succede quando le informazioni raccolte provengono da fonti inaffidabili o deliberatamente false?

Qui risiede la genialità dell’integrazione di News Guard nei servizi di web e social listening di Extreme. News Guard valuta l’affidabilità delle fonti di notizie, fornendo un punteggio basato su vari criteri giornalistici. Integrando questi dati nel social listening, gli utenti possono ora avere una visione chiara non solo di ciò che viene detto, ma anche della credibilità di chi lo sta dicendo.

Benefici Tangibili

  1. Riduzione del Rumore: Non tutte le voci online hanno lo stesso peso. Filtrare le informazioni provenienti da fonti poco affidabili significa ottenere dati più puliti e rilevanti.
  2. Decisioni Informed: Avere una chiara comprensione dell’affidabilità delle fonti consente alle aziende di prendere decisioni basate su informazioni verificate.
  3. Protezione della Reputazione: Evitare di reagire a false informazioni o notizie manipolate può prevenire potenziali crisi di reputazione.

In sintesi, l’integrazione di News Guard negli strumenti di social listening non è solo un valore aggiunto, ma un cambiamento game-changer. In un’epoca in cui la verità può essere sfumata o distorta, avere un baluardo affidabile contro la disinformazione è più prezioso che mai. Con News Guard, il social listening non è più solo un orecchio teso verso il web, ma anche un filtro che separa il grano dalla pula.

EXTREME E NEWSGUARD INSIEME PER MIGLIORARE L’ANALISI DELLE INFORMAZIONI ONLINE

Extreme, leader nel settore dell’analisi delle informazioni online e della social intelligence, è lieta di annunciare una nuova collaborazione strategica con NewsGuard, organizzazione attiva nella lotta alla misinformazione che fornisce analisi sull’affidabilità delle fonti di informazioni sul web e sui social network.

Questa partnership segna un passo significativo per Extreme nel suo impegno a fornire informazioni accurate e affidabili ai suoi clienti, che spaziano dalle aziende alle organizzazioni governative e non profit. Grazie all’integrazione delle risorse di NewsGuard, Extreme sarà in grado di offrire una valutazione più completa della credibilità delle fonti online, migliorando ulteriormente la qualità dei servizi offerti.

“La veridicità delle informazioni online è diventata una priorità sempre più rilevante per molte organizzazioni e individui. Con questa collaborazione, Extreme si impegna a offrire ai suoi clienti gli strumenti e le informazioni necessarie per prendere decisioni basate su dati puntuali”, ha dichiarato [Riccardo Di Marcantonio, CEO di Extreme].

Le valutazioni di affidabilità delle fonti di informazione online, realizzate dagli analisti di NewsGuard sulla base di criteri apolitici di credibilità e trasparenza del giornalismo, saranno ora integrate nella suite di servizi di Extreme, garantendo ai clienti un’analisi approfondita e affidabile delle fonti di informazioni che consultano e di quelle che parlano del loro brand.

Identificare e comprendere i rischi delle campagne di misinformazione diventa sempre più cruciale per la sicurezza dei brand. Siamo certi che le valutazioni di affidabilità di NewsGuard possano contribuire a un’analisi più dettagliata delle informazioni utili ai clienti di Extreme”, ha dichiarato Virginia Padovese, Managing Editor e VP Partnership di NewsGuard in Europa. “Ora che è scesa in campo anche l’intelligenza artificiale generativa è davvero necessario avere un contesto dettagliato e preciso sull’affidabilità delle fonti per gestire i processi decisionali in modo tempestivo e informato”.

Gli utenti di Extreme potranno ora accedere a una vasta gamma di analisi e dati aggiuntivi per valutare la credibilità delle informazioni online, migliorando la loro capacità di prendere decisioni basate su dati ancora più affidabili. La collaborazione tra Extreme e NewsGuard rappresenta un passo avanti significativo verso un mondo online più attendibile e informato.

 

Per ulteriori informazioni su questa partnership o su Extreme, vi preghiamo di contattare:

Riccardo Di Marcantonio, CEO
rdimarcantonio@extremeware.it

Per ulteriori informazioni su NewsGuard, vi preghiamo di contattare:

Virginia Padovese, Managing Editor e VP Partnership per l’Europa

virginia.padovese@newsguardtech.com

Su Extreme:

Extreme è un leader nel settore dell’analisi delle informazioni online e della social media data intelligence, fornendo soluzioni di analisi dei dati e informazioni affidabili per una vasta gamma di settori. Fondata nel 2006, l’azienda si impegna a garantire che le organizzazioni e gli individui abbiano accesso a dati accurati e corretti per prendere decisioni. Per ulteriori approfondimenti, visitate il nostro sito web all’indirizzo www.web-live.it.

Su NewsGuard:

Fondato dall’imprenditore dei media e pluripremiato giornalista Steven Brill e dall’ex editore del Wall Street Journal Gordon Crovitz, NewsGuard fornisce a lettori, brand e istituzioni democratiche strumenti trasparenti per contrastare la misinformazione. Dal suo lancio nel 2018, il suo staff internazionale di giornalisti ed esperti dell’ecosistema dell’informazione ha raccolto, aggiornato e distribuito più di 6,9 milioni di data point relativi a oltre 35.000 fonti di notizie e informazioni, per catalogare e tracciare tutte le principali narrazioni false che si diffondono online. Gli analisti di NewsGuard gestiscono il più grande e affidabile set di dati sulle notizie del settore. Questi dati vengono utilizzati per mettere a punto e fornire strategie di sicurezza ai modelli di intelligenza artificiale generativa, per consentire ai marchi di pubblicizzare siti di notizie di qualità ed evitare che gli annunci finiscano su siti di propaganda o di bufale, per offrire strumenti di media literacy ai singoli utenti e per sostenere i governi democratici nel contrastare le operazioni di disinformazione che prendono di mira i loro cittadini. I criteri apolitici e trasparenti di NewsGuard sono stati applicati dai suoi analisti per valutare le fonti di notizie che rappresentano il 95% dell’engagement online con le notizie in nove Paesi. Per ulteriori informazioni, visitate il nostro sito all’indirizzo www.newsguardtech.com/it

SALONE DEL MOBILE: I NUMERI DELLA RETE DELL’EDIZIONE 2023

Come è andato il Salone del Mobile 2023 dal punto di vista della rete? Lo scopriamo con WHAT!, la tecnologia di Extreme per l’analisi in tempo reale del web e dei social media di milioni di fonti e contenuti che sancisce per l’edizione 2023, appena conclusa, una piena ripresa con una forte rilevanza a livello internazionale.

Nel complesso sono oltre 80 mila i post e gli articoli pubblicati, con più di 2 miliardi di visualizzazioni potenziali per un valore equivalente in pubblicità pari a 26,2 milioni di euro.

Tremila gli articoli comparsi nei primi 10 risultati di Google, preponderanti i post su Instagram e un 60% dei contenuti in lingua straniera.

A livello internazionale, oltre le top riviste di settore, ne hanno parlato molti siti a livello globale come  Yahoo e msn – nelle edizioni dei vari country – Bloomberg, Cosmopolitan, Wall Street Journal e Business Insider.

Sui social si registrano grandi volumi di engagement, con oltre 3 milioni di interazioni e più di 19 milioni di visualizzazioni da TikTok e Instagram, con il coinvolgimento di brand globali tra i quali Samsung, Dior, Intel, Amazon, Tod’s. Forte anche la presenza dell’automotive con BMW, Audi, Peugeot, Citroen e Maserati.

In questo enorme flusso di contenuti, condivisioni, visualizzazioni, emoji e reaction il mood è stato decisamente ottimo (+33% verso il felice) con una predominanza di contenuti positivi pari all’86%.

I dati presentati in questa infografica sono stati elaborati sulla base di un campione di milioni di fonti web e social a livello globale, pertanto questa è una sintesi rappresentativa delle principali tendenze e non il 100% dei dati effettivamente disponibili in rete.

 

SALONE DEL MOBILE 2023: I NUMERI DELLA RETE DEL PRIMO GIORNO DELL’EVENTO

tw1
home-4
ista1

Salone del mobile 2023: i numeri della rete del primo giorno dell’evento fotografati attraverso un instant report realizzato con il nostro tool Extreme WHAT! per l’analisi in tempo reale del web e dei principali social media. La sintesi completa a fine Salone. Stay tuned!  

Dati Demografici e social listening

tw1
home-4
ista1

I marketer di ogni settore, per poter sviluppare in modo più efficace le loro strategie, vorrebbero conoscere in modo approfondito il “profilo demografico” delle persone che postano e commentano contenuti su brand, prodotti, servizi.

Ma ovviamente questa esigenza si scontra con il diritto alla privacy e, per tutelare i loro utenti, i principali social media rimuovono queste informazioni dagli stream forniti tramite le loro API (i servizi di accesso programmatico e massivo ai dati utilizzati dagli strumenti di listening).

Utilizzando l’intelligenza artificiale è però possibile ottenere queste informazioni senza venir meno al rispetto della privacy. Grazie ad algoritmi estremamente sofisticati, incrociando una serie di parametri pubblici è possibile “ricostruire” le informazioni mancanti, con una accuratezza molto elevata.

La nostra soluzione di web e social media data intelligence, Extreme WebLive, dispone di questa capacità: utilizzando il deep learning, determina automaticamente paese, genere e coorte anagrafica del proprietario di un account social pubblico, con una accuratezza del 98%. Le informazioni raccolte sono trattate esclusivamente in forma aggregata quindi nel pieno rispetto della privacy. Infatti, i dati rilevati non vengono associati direttamente all’account social che li ha generati, ma archiviati in forma anonima.

La disponibilità di info demografiche amplia e potenzia in modo significativo l’efficacia dell’analisi dei dati generati dal web e social listening. Permette ad esempio di comprendere come genere, età e paese di origine di una persona, influenzano la sua percezione di un marchio o di un prodotto o l’attenzione rispetto a determinati temi.

Ecco un esempio concreto. I dati si riferiscono a conversazioni social relative a marchi di arredo design del primo semestre 2022. I due grafici ci svelano l’incidenza del genere degli autori dei post in base al paese e la distribuzione per coorti anagrafiche, sempre per paese. Così scopriamo che in Giappone la community più ampia interessata a brand di arredo design è quella tra i 25 e i 34 anni con una prevalenza di genere maschile pari all’80%.

In molte aziende il listening è una pratica ormai diffusa, la capacità di stratificare e correlare informazioni un po’ meno. Servono strumenti più evoluti di analisi ed una adeguata formazione per chi li usa. In questo modo è possibile scoprire, conoscere e anticipare trend, fatti e opinioni ai quali i nostri competitor arriveranno, dopo!

REPUBBLICA.IT: Instagram, alla Toscana il primato mondiale di post dei turisti

A rivelarlo è ‘Instagrammable Italia 2022’, un report svolto da Extreme, la principale società di Web e Social Media Data Intelligence, che ha raccolto 300mila post pubblicati tra giugno e agosto

LANAZIONE.IT: È la Toscana la regione più ‘instagrammata’ d’Italia. E Firenze la più fotografata

A rivelarlo è il report ‘Instagrammable Italia 2022’, firmato da Extreme, una delle principali agenzie di web e social media, che ha raccolto 300mila post pubblicati tra giugno e agosto. Nessun turista è immune dalla gratificazione ‘da like’ che tutti almeno una volta abbiamo inseguito cercando lo scatto perfetto, il panorama mozzafiato o il contesto più divertente Le ‘tracce digitali’ lasciate da milioni di persone su Instagram durante le vacanze in Italia raccontano di preferenze, interessi, itinerari ed emozioni. L’intelligenza artificiale ha analizzate e classificato le 300mila foto acquisite per la ricerca scoprendo le preferenze del popolo di Instagram, in viaggio in lungo il largo nel Bel Paese. E la Toscana si è guadagnata il primato in questa speciale classifica.

INSIDEMARKETING: Un’estate di vacanze all’italiana, vista da Instagram

Quali sono state le mete più instagrammate dell’estate 2022 è la domanda che la società di web e social media data intelligence Extreme sembra essersi posta in “Instagrammable Italia 2022”, un report per la cui realizzazione sono stati analizzati oltre 300mila post pubblicati su Instagram tra giugno e agosto 2022 nella convinzione che i social media e in particolare il social visivo di casa Meta non influenzino solo le scelte di viaggio ma possano contribuire in retrospettiva a intessere un racconto collettivo, e per necessità condiviso, di momenti come l’estate e le vacanze appunto.

Extreme WebLive, A.I. che fa la differenza

tw1
home-4
ista1

Chi si occupa di marketing, digital pr e data intelligence conosce e sa a cosa servono i moltissimi strumenti in commercio di web e social listening.
Di questi tool sono pochissimi quelli che riescono a portare l’analisi dati ad un livello superiore, per creare insight nuovi, unici e preziosi per le aziende.
Questo “empowerment” è abilitato dall’intelligenza artificiale che permette di “dedurre”, con elevata precisione, dati inesistenti negli stream forniti dalle diverse piattaforme social. Questo è quello che caratterizza la nostra soluzione di web e social media data intelligence, Extreme WebLive.
Un semplice esempio di questo approccio lo trovate le nostro ultimo report “Instagrammable italia 2022” che potete scaricare gratuitamente al link sotto indicato.

L’analisi descritta nel report riguarda 300 mila post Instagram raccolti e analizzati tra giugno e agosto 2022 e relativi all’esperienza di viaggio in Italia.
Con Extreme WebLive abbiamo ricostruito la distribuzione del popolo di Instagram nel Bel Paese in questa calda estate e con l’ausilio dell’A.I. abbiamo capito cosa ha maggiormente “ispirato” i turisti in viaggio lungo lo Stivale.
L’A.I. ha “guardato” per noi 300 mila foto interpretandone il contenuto e il contesto, informazioni non disponibili in forma strutturata nel flusso Instagram. Incrociando questi “nuovi dati” con altri disponibili abbiamo scoperto, ad esempio, quali sono gli elementi ritratti nei post che generano un tasso di engagement superiore alla media. Oppure abbiamo potuto stilare una classifica dei contesti più frequentemente scelti negli scatti postati tra mare, montagna, campagna, città, arte e cultura.
L’A.I. integrata nei processi di social listening crea nuove opportunità per marketers, creator, data scientist e nuovo valore per le aziende soprattutto nell’ambito della consumer data intelligence. Nuove potenzialità di indagine da utilizzare sempre nel pieno rispetto della privacy delle persone, utilizzando adeguati processi integrati di anonimizzazione dei dati e il trattamento delle informazioni in forma aggregata. #ai #socialmedia #data #intelligenzaartificiale #privacy #intelligence #engagement #datascientist #media

SCARICA IL REPORT GRATUITAMENTE

MICROMEGA: TikTok Politics: un primissimo bilancio

Ci sono Berlusconi, Calenda, Salvini, Meloni e Conte, a galleggiare nello spazio bianco di una vignetta di Makkox. Cinque personaggi in cerca di un pubblico, quello dei giovani. Non sanno cosa ci stiano a fare in quel canale, che è TikTok, ma non vogliono che la “generazione Z” sfugga ai loro messaggi. Quanta verità c’è in questa vignetta? Per rispondere, diamo uno sguardo ai contenuti postati dai leader in questione su TikTok: possiamo farlo in modo un po’ più scientifico che semplicemente consultando la piattaforma, grazie al monitoraggio che stiamo conducendo come Osservatorio Mediamonitor Politica-Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università La Sapienza in collaborazione con Kapusons ed Extreme.